CONFARTIGIANATO LAZIO TRASPORTI PRESENTE AL TIR DAY ORGANIZZATO DA UNATRAS

[   ]
CONFARTIGIANATO LAZIO TRASPORTI PRESENTE AL TIR DAY ORGANIZZATO DA UNATRAS
Lun, 20/03/2017

"Un primo passo verso il fermo". Così il Presidente UNATRAS, Amedeo Genedani, presente al corteo davanti alla sede Rai di Saxa Rubra ha commentato le iniziative che sono state organizzate in tutta Italia durante il Tir Day del 18 marzo scorso.
"Il Governo deve dare ascolto al mondo dell'autotrasporto, grazie al quale in Italia oltre l'80% delle merci trasportate viaggia su gomme" ha proseguito il Presidente di Confartigianato Trasporti del Lazio, Giuseppe Silvio Belli, anch'egli presente alla manifestazione di Roma. "Sono ancora troppe le problematiche che attanagliano il nostro mondo: i tempi di pagamento, il cabotaggio, le aziende straniere che operano sul nostro territorio con costi inferiori ai nostri per gli autisti, le assicurazioni ed il gasolio. Adesso è al vaglio l'aumento dell'IVA, già tra le più alte rispetto al resto dell'Europa, che, laddove venisse attuata, comporterebbe ulteriori ripercussioni sul costo del traporto. Per non parlare dei tempi di guida e di impegno giornaliero, degli adempimenti legati ai trasporti eccezionali, dove i titolari delle aziende sono costretti a combattere con la necessità di chiedere ed ottenere da diverse Amministrazioni tutti i documenti necessari per poter circolare regolarmente. Sono troppe le aziende che hanno chiuso i battenti; per non parlare di quelle che per ridurre i costi hanno deciso di delocalizzare nei Paesi dell'Est, pur continuando a lavorare in Italia. La Germania,l'Austria e la Francia hanno già emanato provvedimenti per tutelare le aziende dell'autotrasporto. Solo il Governo italiano ancora non è intervenuto. Per questo, laddove le nostre richieste restassero inascoltate, saremo pronti nostro malgrado ad attuare la sospensione dei servizi in difesa degli interessi dei nostri imprenditori."

Galleria fotografica